Un esempio di applicazione della regola d’oro in Fate

Ieri sera abbiamo giocato l’ultima sessione del primo playtest di Fear. Questo è un brevissimo actual play del momento in cui abbiamo applicato la regola d’oro di Fate, la quale – a pag. 187 di Fate Sistema Base – dice testualmente:

Prima decidete cosa volete ottenere, poi consultate le regole per aiutarvi a ottenerlo.

Il corollario a questa regola (la regola d’argento) entra più nello specifico e dice:

Non permettete mai alle regole di frapporsi a ciò che rende sensata la narrazione.

Qui trovate un approfondimento sull’argomento.

Jonathan F. Abel Collection (COLL/3611), Marine Corps Archives & Special Collections
Jonathan F. Abel Collection (COLL/3611), Marine Corps Archives & Special Collections

Quella di ieri sera era una sessione bonus, dal momento che i PG avevano già terminato la missione loro assegnata nella sessione precedente. Era però rimasta aperta una sotto-trama particolarmente interessante e volevamo giocare un’altra sessione per vedere cosa sarebbe successo: il soldato Bunny (il PG interpretato da Loris) aveva accettato una missione secondaria assegnatagli da uno spirito vietnamita, che consisteva nel fare fuori un tenente nord-vietnamita che si era macchiato di un massacro di civili sud-vietnamiti.

Durante l’incontro con il tenente, Bunny ha iniziato a mormorare parole vietnamite per evocare una torma di bambini inquietanti e famelici (una prerogativa del suo talento sovrannaturale, acquisito dopo l’incontro con lo spirito). Nell’udire quelle parole, il tenente nord-vietnamita si è dato alla fuga nei cunicoli sotto terra. Abbiamo quindi impostato una competizione tra Bunny e il tenente. L’obiettivo di Bunny era quello di acciuffare l’avversario mentre il tenente intendeva arrivare al detonatore principale per far saltare le cariche di C4 piazzate sulla collina.

La competizione risulta favorevole a Bunny; Loris quindi narra ciò che accade. Bunny riesce ad atterrare il tenente, gli pianta il gomito sul collo e lo immobilizza. A quel punto dico a Loris che dai cunicoli iniziano a sciamare i bambini evocati da Bunny, i quali lo guardano speranzosi e lo invitano in silenzio a uccidere il tenente.

Dico ai miei compagni di gioco che per me la questione può essere risolta con un semplice tiro per superare un ostacolo e che secondo me ha poco senso entrare in conflitto per una cosa del genere. Ne discutiamo un po’ e sono due le cose che ci guidano nella discussione:

  • per uccidere qualcuno dovresti entrare in conflitto;
  • in questo caso, in fiction non ha alcun senso.

A me, come GM, interessa vedere cosa succede. In soldoni, se Loris avrà successo nel tiro allora probabilmente Bunny cederà alla pressione e ucciderà il tenente; altrimenti potrebbe accadere che i suoi compagni arriveranno giusto in tempo per fermarlo (poiché nel frattempo Michele aveva esplicitato la sua intenzione di non vedere morto il tenente ma di prenderlo come prigioniero). Insomma, non mi sembravano adatti né la sfida, né la competizione né – soprattutto – il conflitto.

Alla fine Loris ha proposto di evocare Tan Lo (lo spirito che aveva affidato la missione a Bunny) per consegnargli il tenente. Il tiro si è rivelato un successo e Tan Lo ha ucciso il tenente grazie all’aiuto fondamentale di Bunny.

Stamattina, grazie alla segnalazione di Daniele, ho avuto modo di leggere alcune parti interessanti del pensiero del giorno pubblicato su Fate Italia, in particolare questa:

L’errore fondamentale in questo caso è nell’assumere come dato di fatto che ogni volta che qualcuno agita una spada (o spara con una pistola) allora diventa un conflitto, e quindi abbiamo bisogno di utilizzare il meccanismo e le regole che determinano il ritmo del conflitto e tutto il resto.

Quindi ieri sera abbiamo applicato la regola d’oro nel modo più cristallino: in fiction aveva poco senso impostare il conflitto per determinare l’esito della scena; optando per un semplice tiro di superare un ostacolo, abbiamo ottenuto un risultato perfetto per la fiction.

Una precisazione

Inoltre, rileggendo il capitolo “Sfide, competizioni e conflitti” di Fate Sistema Base, ho notato che a pag. 156 è scritto nero su bianco:

Se i personaggi coinvolti hanno entrambi l’intento e l’abilità di danneggiarsi l’un l’altro, allora vi trovate in una scena di conflitto.

Permettetemi una lieve modifica che mi aiuta nel discorso che sto per fare:

Se i personaggi coinvolti hanno entrambi l’intento e l’abilità di danneggiarsi l’un l’altro, allora vi trovate in una scena di conflitto.

Le “cose” necessarie per entrare in un conflitto, quindi, sono due:

  1. l’intento di danneggiarsi, da parte di entrambi;
  2. l’abilità per farlo, da parte di entrambi.

Nella fattispecie, seguendo la fiction della sessione di ieri: Bunny aveva l’abilità ma non era così sicuro di volerlo fare (Loris è stato molto chiaro a tal proposito, tant’è che alla fine ha preferito evocare lo spirito); il tenente non aveva né intento né abilità (poiché era immobilizzato a terra ma, soprattutto, era atterrito e spaventato a morte dalle parole di Bunny e dai bambini evocati dall’americano).

Sono sempre più convinto che mancavano le basi per il conflitto e che la decisione di optare per un singolo tiro di superare un ostacolo sia stata quella giusta. Voi cosa avreste fatto?

Annunci

3 thoughts on “Un esempio di applicazione della regola d’oro in Fate

Add yours

  1. Non ho una vasta esperienza di Fate, ma probabilmente direi quasi la stessa cosa! (E trovo la modifica in grassetto+sottolineatura della tua citazione estremamente azzeccata)

      1. Allora, come ti ho già detto, secondo me, questo ragionamento fila alla grande.

        Durante la sessione di martedì sera mi sono bloccato e mi sono lasciato ingannare dalla (falsa) convinzione che per uccidere un PG tu debba andare al conflitto ma, come spieghi bene anche nell’articolo, non è vero.

        La dissonanza nasceva proprio dal fatto che in fiction non avesse un cazzo di senso e che quel PNG, in quella situazione non avesse una posizione nella storia tale da giustificare la sua resistenza e il suo andare a conflitto.

        Ecco perché la scelta di cui parli nell’articolo è stata corretta. Ed ecco di che cosa parla davvero la famosa “regola d’oro” di Fate: di come calare le regole nei contesti specifici. Le regole non sono messe lì per funzionare in teoria, ma in pratica. La regola d’oro dice di non fossilizzarsi mai sulla lettera del testo, ma di applicare le regole alla situazione attuale nella storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: